CR: Leggi sui Casino' e il Gioco d'Azzardo, dibattito generale

Articolo sulle leggi del Gioco d'Azzardo e i Casino' pubblicato da ACON il 18. gennaio
indietro su Articoli sui Casino e sul Gioco d'azzardo

(ACON) Trieste, 18 gen - RC - Enrico Gherghetta (DS) ha terminato il suo discorso sulla legge sui Casino' e il Gioco d'Azzardo affermando che puo' essere considerata piu' facilmente un'importante manovra politica che un grande atto legislativo e che mancano, al suo interno, provvedimenti di difesa dei giocatori d'azzardo.
A seguire, Bruno Marini (FI-CCD-FDC), che ha annunciato che non dara' il suo voto favorevole alla norma, ma con delle specifiche. Non credo si possano imbastire crociate sui Casino' e il Gioco d'Azzardo ha detto, e demonizzare una situazione accentuata oltretutto dal Governo, da Prodi in poi, con le lotterie. Per Giorgio Mattassi (DS), la legge sui Casino' e il Gioco d'Azzardo non ha alcuna conseguenza pratica se non quella, per la maggioranza, di rivendicare un diritto che e' di competenza dello Stato. La strategia piu' adatta e' il colloquio con la rappresentanza parlamentare, non consiliare. Il completamento dell'offerta turistica non puo' risiedere in una legge sul Gioco d'Azzardo. Federica Seganti (LN) ha scisso tra economicita', legalita' e morale. Difficile dire che i Casino' e il Gioco d'Azzardo non offrono convenienza economica - ha sostenuto. La loro legalita', poi, sta nel fatto che in Italia ne esistono gia' e si puo' dimostrare che in quelle zone la criminalita' non e' aumentata. Rimane, quindi, la questione morale, che per la consigliera sarebbe piu' coerente se chi la sostiene facesse una campagna contro i casino gia' aperti. Roberto De Gioia (SDI-Verdi), pur dicendosi favorevole ai Casino' e il Gioco d'Azzardo, evidenziando cosi' la difformita' di pensiero con il suo gruppo, non ritiene il provvedimento adeguato, ma solo un voler andare allo scontro con lo Stato. E' una possibilita' di sviluppo del turismo, ma manca una strategia complessiva. Dei diesse, anche Alessandro Tesini ha affermato il suo voto contrario in quanto il provvedimento si presenta farraginoso, insufficiente, indeterminato, non adeguato negli obiettivi di sviluppo economico e nella soluzione di problemi sociali. Non si tratta di semplicismo moralistico, non si puo' paragonare Casino' e il Gioco d'Azzardo alla partita di carte al bar, ma forse c'erano altre esigenze da affrontare. Roberto Antonaz (PRC) si e' soffermato sul concetto di etica morale e politica e ha sostenuto di non trovare nulla di male nei Casino' e il Gioco d'Azzardo. Ognuno si diverte come puo' - ha detto. Quanto alla sicurezza, aumentera' la sorveglianza attorno a queste aree, ma non caleranno criminalita' e delinquenza, soprattutto legate al riciclaggio del denaro sporco.

http://www.regione.fvg.it Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia